Corrente continua

Legge di Ohm

Agli estremi di due dispositivi elettrici (che chiameremo X e Y) è applicata una differenza di potenziale ΔV variabile da 100 a 1000 V. Nella tabella acclusa (detta caratteristica volt-amperometrica) sono riportati i valori misurati delle correnti iX e iY che circolano nei due dispositivi in funzione della tensione applicata. Cosa si può osservare dall'analisi dalla tabella e del grafico corrispondente?
caratteristiche (15K)
ΔV (V)iX (A)iY (A)
1000,070,07
2000,130,10
3000,200,13
4000,270,17
5000,330,22
6000,400,30
7000,470,45
8000,530,65
9000,600,85
10000,671,15

Come si vede dalla tabella e ancora di più dal grafico, solo per uno dei due dispositivi c'è una relazione lineare tra corrente e differenza di potenziale. Si dice che un conduttore è ohmico se vale la

Legge di Ohm

La corrente che scorre in un conduttore ohmico è direttamente proporzionale alla differenza di potenziale applicata ai suoi estremi.

Questo equivale a dire che in un conduttore ohmico il valore della resistenza è indipendente dalla corrente. Fra i due dispositivi esaminati, il dispositivo X è un conduttore ohmico, mentre Y non lo è. Sono ohmici i conduttori solidi e liquidi, non lo sono i quelli gassosi e alcuni dispositivi elettronici come i diodi.

Quanto vale la resistenza R del dispositivo X?
  1. 100 Ω
  2. 150 Ω
  3. 1000 Ω
  4. 1500 Ω

Con le caratteristiche volt-amperometriche si può ricavare il valore della resistenza dalla pendenza della retta caratteristica. Poiché la corrente è sull'asse y e la tenzione è sull'asse x, l'inverso della pendenza fornisce il valore di R. I normali fili elettrici (in genere fili di rame) sono conduttori ohmici a bassissima resistenza, in genere trascurabile rispetto alle resistenze di altri dispositivi.

Se colleghiamo i due poli di una pila solo con un filo elettrico, senza altri dispositivi, si ha, a causa della resistenza elettrica praticamente nulla, una corrente molto intensa che può bruciare il filo: in questo caso si parla di corto circuito. Gli apparecchi elettrici come le lampadine, i tostapane, gli asciugacapelli, mettono in gioco delle resistenze molto maggiori.

Componenti comuni di tutti i circuiti elettronici sono delle piccole resistenze di ceramica il cui valore è segnalato da un codice dei colori.

resistenze2 (5K)

Copyleft Ludovica Battista

Valid HTML 4.01 Transitional